Parigi, + 50 km
Parigi, Ile-de-France, Francia
ca.
Già aggiunto + 50 km

distanza

Questa distanza si applica a tutte le città selezionate
0 50 100 150 200 250
Tutti i posti nelle vicinanze Parigi, Ile-de-France, Francia
principale / Eventi / LA VEUVE DU 9.3
LA VEUVE DU 9.3

Biglietti per LA VEUVE DU 9.3

circo
THEATRE LE COLOMBIER
Bagnolet
Compra un biglietto
Data e ora
Descrizione
Sede

«LA VEUVE DU 9.3»

18
gennaio
lunedì Lu - 00:00
gennaio, 2021
gen 18 Lu - 00:00
00:00
Rue Marie-Anne Colombier, 20, 93170, Bagnolet, Île-de-France, France

Descrizione

Scrittura e regia di Gilles Sampieri Interpretazione Céline Marguerie In questo western suburbano Una donna porta il marito in una bara a ruote Come un autore morto in residenza La vedova del 93 è un gioco di vagranzia e marginalità La traiettoria di una donna dalla sottomissione amministrativa alla disobbedienza, all'interno di un servizio pubblico disgregato Un personaggio borderline che cerca di adattarsi a mutazioni assurde Rifiutato alla periferia di la sua vita in mezzo alla città che cambia Respinta alla periferia della sua professione dall'ipocrisia delle commemorazioni La vedova, nei suoi eccessi, coinvolge un autore morto per lavorare ancora PROPOS In mezzo alla burocrazia normativa, premi e commemorazioni, lo spettacolo parla delle traiettorie ai margini. In un rapporto con il linguaggio sempre più normativo come fare spazio ai margini della città. In queste periferie dove i luoghi del passato sono considerati luoghi di impurità scompaiono, gli uffici futuristici di queste nuove residenze disegnano il parallelo tra urbanizzazione e alfabetizzazione. Proprio come la pianificazione urbana cambia i parametri di riferimento, è un'epoca che va via per questa donna che lotta con la memoria, determinata a far pubblicare un autore morto e sconosciuto. Non è una questione di nostalgia, ma di guardare a ciò che scompare a nostra insaputa. Parallelamente all'abbandono dell'autore, all'esclusione dei più poveri nella nuova capitale che si sta espandendo, la vedova cerca di rendere omaggio a tutti coloro che si mancano, per dare un senso a coloro che non servono più a nulla. La traiettoria di questa donna da sola è la storia della rabbia, una marcia contro la perdita di significato e l'uniformità dei nostri spazi di espressione.